Verso l'Unione...

Nelle scorse settimane erano state già date alcune indicazioni circa le intenzioni future dell’Unione di Comuni “Asta del Serio”, oggi la situazione è ancora più chiara quindi riteniamo vi siano tutti i presupposti per illustrare gli intenti e le modalità attuative di tali volontà. Come detto, il sistema informativo unico verrà attivato tra poco, con l’assegnazione definitiva del vincitore del bando predisposto nelle scorse settimane. Oltre a questo importante tassello, è fondamentale ricordare che le attività di confronto tra le parti sindacali dei Comuni e degli amministratori continuano. Durante l’ultima riunione risalente alla fine del mese di settembre, è stata illustrata da noi amministratori una scaletta che da indicazioni chiare circa le volontà: entro il 31 dicembre 2015 vogliamo predisporre tutti gli atti propedeutici al trasferimento di personale e di funzioni dai Comuni all’Unione, per consentire una partenza ordinata delle attività nel 2016. Nelle prossime settimane verranno formalizzati l’organigramma del personale, le sedi operative ed i relativi orari. Il clima di collaborazione fin qui riscontrato tra le parti fa ben sperare, ora si deve chiudere la fase propedeutica con la collaborazione di tutti, ivi compreso il corpo personale.

Parallelamente si vuole intraprendere un percorso di esternalizzazione dei servizi, partendo da quelli già attualmente a gestione esterna con l’aggiunta di alcuni elementi strategici come, ad esempio, quelli della manutenzione del patrimonio, per conseguire una gestione più efficiente ed efficace di quelle attuali. Il tutto tramite specifici bandi, seguendo l’esempio di altri Comuni che prima di noi li hanno già adottati (ad esempio Costa Volpino) con grande soddisfazione delle amministrazioni interessate.

La volontà dei sindaci è quindi quella di proseguire convinti nei confronti di uno strumento che vuole risolvere alcuni annosi problemi che, presi singolarmente, i Comuni non riescono a risolvere: l’unione deve e può fare la forza. Cogliere l’opportunità della gestione associata, nonostante le oggettive difficoltà attuative, è la risposta che vogliamo dare alle legittime necessità dei cittadini.

La Giunta dell’Unione di Comuni “Asta del Serio”, Alberto Bigoni, Pietro Visini, Angela Bellini

Regione e Unione di Comuni: l’unione dei datacenter fa la forza

Comunicato Stampa

REGIONE LOMBARDIA E L'UNIONE DI COMUNI LOMBARDA ASTA DEL SERIO: L'UNIONE DEI DATACENTER FA LA FORZA

“Computer Memory Hard Drive Disk HDD Storage Technology” di epSos .de

Regione Lombardia, ANCI e ANCI Lombardia hanno sottoscritto un Protocollo d'Intesa (approvato con DGR n. X/3039 del 23/01/2015) per l'attuazione di iniziative di innovazione e digitalizzazione dei comuni lombardi (Progetto Comuni Digitali), definendo, tra gli ambiti di collaborazione, quello della razionalizzazione dei datacenter e dell'erogazione di servizi in modalità cloud.

In quest'ambito, gli obiettivi del Protocollo e del Progetto Comuni digitali sono:
1. offrire servizi ICT con livelli di servizio in linea con i migliori standard di mercato;
2. ridurre i costi operativi tipici di un data center (consumi elettrici, manutenzione, ecc);
3. recuperare gli spazi attualmente occupati dalle sale CED locali;
4. rispondere alle specifiche direttive in ambito ambientale.

L'attuazione del progetto Comuni Digitali prevede l'erogazione agli EELL tramite le infrastrutture regionali, su richiesta e a seguito di accordo tra Regione e Ente, di due linee di servizio, collegate tra loro, individuate in:
• Linea di servizio Infrastructure as a Service (IaaS): costituita dall'erogazione di risorse di infrastrutturali di storage ed elaborazione presso i Data Center di RL, assegnate virtualmente ad EELL e fruite da queste secondo una logica di Virtual Data Center (VDC);
• Linea di servizio Disaster Recovery (DR): parallela alle precedenti, costituita dalla erogazione del Disaster Recovery dei Virtual Data Center, basato su una replica dei dati di produzione ed erogazione di risorse di elaborazione presso sito alternativo in caso di danneggiamento del Data Center primario.

"Il progetto comuni digitali ed in particolare questa iniziativa di razionalizzazione dei datacenter è la strada giusta per realizzare in Lombardia una reale svolta al digitale della pubblica amministrazione locale – afferma l'Assessore all'Economia, Crescita e Semplificazione Massimo Garavaglia – e la collaborazione avviata in questi giorni con l'Unione di Comuni Lombarda Asta del Serio ne è un esempio concreto e virtuoso".
Dichiara Alberto Bigoni, presidente dell'Unione di Comuni: "La collaborazione della Regione è assolutamente determinante per conseguire un obiettivo decisivo per trasformare gli obblighi della gestione associata in opportunità: un sistema nel cloud presso la Regione, con standard elevatissimi, permette di ridurre i costi, aumentare l'efficienza e l'efficacia del sistema informativo. Ringrazio a nome dei sindaci dell'Unione la Regione per l'attenzione manifestata nei nostri confronti."